Partiamo dal parcheggio del Camping Le Fonti a Cervarezza Terme. Iniziamo subito a pedalare percorrendo una comoda strada forestale che sale dolcemente fino ad un bivio dove troviamo il cartello di divieto per i mezzi motorizzati. Lasciamo a sinistra la deviazione che ci riporterebbe a Busana e continuiamo a salire, mantenendo alla nostra destra le pendici del monte Campestrino. Passiamo alla nostra sinistra due caseggiati rurali, oggi adibiti a rifugi ed a ricoveri; manteniamo sempre la strada principale anche al bivio successivo che indica il sentiero che conduce a Nismozza ed oltre il tornante a destra possiamo fare rifornimento di acqua presso una fonte. Dopo 5 km dalla partenza raggiungiamo la sommità della forestale a quota m. 1300 circa. Troviamo subito alla nostra sinistra una traccia di sentiero abbastanza largo in terra battuta che si inerpica nel sottobosco. Consigliamo di partire con dei rapporti adeguati alla salita dato che la pendenza continua per circa 200 metri. Terminato il primo strappo, manteniamo il sentiero dritto a noi ed ci tuffiamo in un gradevole single track contrassegnato dai segni Cai n.663 fino al quadrivio di sentieri che indicano alla nostra sinistra il Rifugio S.Maria Maddalena, ed alla nostra destra il Lago del Ventasso. ll nostro itinerario principale dal quadrivio scende sul sentiero di destra che si snoda nel sottobosco; causa i massi che incontriamo sul tragitto e le radici molto esposte saremo costretti ad effettuare alcuni tratti di tragitto con la bicicletta a mano. Passati sopra una sassaia che rimane alla nostra sinistra il sentiero prosegue scendendo, fino ad arrivare sulle rive del Lago Calamone a quota m.1396. Giunti a questo punto circumnavighiamo le rive del lago mantenendo la sinistra e raggiungiamo un rifugio che d’estate funziona come ottimo punto di ristorazione, servendo piatti tipici della zona. Finito il tour del lago arriviamo in prossimità della strada forestale che scende alla base degli impianti di risalita. Imboccandola alla nostra sinistra scendiamo su strada bianca fino all’albergo  Calamone, attraversiamo la sbarra e continuiamo a scendere su asfalto, lasciando alla nostra sinistra l’imbocco della strada sul tornante che porta a Pratizzano sino a raggiungere l’abitato di Montemiscoso.
Arrivati alla chiesa di Montemiscoso svoltiamo a destra inoltrandoci all’interno della frazione, fino a raggiungere il parcheggio della Casa Vacanze il Mulino, a quota 1026 m.
Da questo punto, mantenendo la sinistra, iniziamo a pedalare su una carraia forestale che rimane in quota, tutta in sottobosco, che ci permette di raggiungere in circa mezz’ora il piazzale delle Fonti del Ventasso, attraversando il fosso del Mannarosso ed quello di Roncoborda.
Per tutto il tragitto sulla forestale in oggetto manteniamo alla nostra destra il monte Volparino, ed ogni tanto incontriamo sul sentiero le varie deviazioni a sinistra che ci possono condurre sulla provinciale che collega Ramiseto con la statale 63.
Dal piazzale delle Fonti arriviamo al nostro punto di partenza in corrispondenza del Camping seguendo le indicazioni stradali.
 
Dislivello : mt. 530

Difficoltà :
medio – Alcuni tratti di bici a mano