E’ l’anello decisamente più breve. Con uno sviluppo di soli 15 km e dislivelli altimetrici inferiori ai 100 m. il circuito potrà essere percorso non solo in bici (da corsa o mtb) ma anche a piedi (running, walking, jogging), con pattini in linea o ski-roll.
Senza particolari difficoltà, il percorso consente di ammirare la Pietra di Bismantova da tutte le angolazioni possibili e offre ampie visuali verso il crinale e verso la valle del fiume Secchia.
La Pietra di Bismantova rompe il profilo bonario del medio appennino emiliano con la prepotenza visiva dei più noti “sassi” del mondo, una sintesi stupefacente che promette insieme emozioni e comfort, un mix seducente per le più diverse categorie di turisti e di sportivi. Meta di famiglie tranquille che si accontentano di ammirarla a naso in su, come palestra di roccia richiama i più arditi scalatori da tutta Italia. I suoi percorsi consentono arrampicate di differente livello. La Pietra possiede il fascino della storia e della letteratura, il ricordo del castello bizantino che vi sorgeva sulla cima e i versi di Dante che la paragona al monte del Purgatorio.