Il complesso del Castello di Fabbrico, comprendente il primitivo borgo con il fossato di difesa, le mura e i bastioni cinquecenteschi, risale al XIII secolo. Le sue vicende storiche si intrecciano con quelle dei Della Palude, dei Gonzaga, dei Da Correggio e degli Estensi. Dopo l’incorporazione del Principato dei Da Correggio da parte degli Estensi, l’antico fortilizio viene ridotto a magazzino e deposito finchè nel 1676 appare sulla scena la famiglia Guidotti, destinata ad avere un ruolo determinante nella storia del castello e dell’intero borgo, grande protagonista della vita fabbricese dell’ultimo scorcio del Seicento e del primo Settecento, tanto per ciò che concerne l'edificazione del centro urbano quanto per ciò che riguarda l’economia. Nel 1854 la famiglia Guidotti fece costruire l’imponente villa su disegno dell’architetto Cesare Costa, progettista del Teatro Comunale di Reggio Emilia. L'annesso castello è stato restaurato dai discendenti e oggi alcune ampie sale del periodo tardo-medievale (Sala della Caccia, Sala dei Gigli di Francia e Sala degli Armigeri) sono destinate a ricevimenti, convegni, matrimoni. Dal 2005, a seguito di una convenzione stipulata fra l’Amministrazione Comunale e la Famiglia Guidotti, il Castello di Fabbrico in determinate occasioni è aperto al pubblico per visite guidate su prenotazione.