Sulle colline reggiane, sul dolce balcone d'Appennino che si affaccia sulla pianura e da cui nelle giornate limpide si ammira sullo sfondo la corona delle Alpi, il medioevo ha conservato vivo il suo interesse. I castelli che costituiscono il cuore della antica contea di Matilde, nonostante l'ingiuria dei tempi, conservano il fascino del ricordo di quando, in questo scenario di boschi e di calanchi, si svolgeva il teatro della politica europea, a cavallo tra l'undicesimo e il dodicesimo secolo e gli attori erano Papi e Imperatori.

Oggi i resti di quei castelli, pur sbrecciati dal tempo, conservano il fascino della grande storia se si ha la fantasia di immaginare il garrire delle bandiere, i fuochi di segnalazione, il galoppo delle staffette.

La legge della Regione Emilia-Romagna n°44 del 1989 ha dato riconoscimento ufficiale all'area matildica.

Link

Scarica le audioguide sulle terre di Canossa
File MP3 e MP4 sui principali monumenti matildici