Monteorsaro costituisce un tipico borgo alto appenninico di origine pastorale: l’elevata quota dell’insediamento permetteva infatti agevolmente di raggiungere gli estesi pascoli del M. Baggioletto e del Cusna, favorendo in tal modo l’allevamento del bestiame.
Nell’attuale abitato non rimangono segni storici particolarmente significativi; sono tuttavia osservabili sporadici manufatti costituiti prevalentemente da elementi di portali, rampe coperte, stipiti od architravi in arenaria riconducibili prevalentemente al XVIII- XIX secolo.
Le caratteristiche altimetriche dell’abitato e l’assenza di elementi costruttivi di più antica età attestano come nel borgo fossero prevalenti, nel passato, le costruzioni in materiale labile, con tetto in paglia e muratura in pietra legata da terra o sabbia. Le ristrutturazioni edilizie avvenute negli ultimi decenni hanno profondamente modificato il paesaggio storico-architettonico di questo borgo, che è comunque meritevole di visita per il particolare contesto ambientale in cui è calato e per la “dimensione pastorale” di cui è atavica espressione.
 
Nei pressi del paese si trova un attrezzato rifugio di crinale, raggiungibile anche in automobile.